iliad

Nuovi guai in arrivo per Iliad, il nuovo operatore telefonico low cost entrato in Italia da meno di due mesi. L’operatore francese, infatti è stato denunciato dal Gran Giurì della pubblicità e da Codacons.

Iliad denunciata per pubblicità ingannevole:

Tra le accuse di Codacons e del Gran Giurì nei confroti di Iliad sarebbero spuntate pratiche commerciali scorrette e violazioni delle leggi sulla sicurezza. Ma le gatte da pelare per l’operatore francese non finiscono qui: in questi giorni sarebbe infatti arrivata la prima condanna per l’operatore francese. La condanna avrebbe definito infondata la promessa di Iliad di una copertura generalizzata per il 4G+. Per questo la società francese dovrà modificare o togliere tutti gli spot pubblicitari e i manifesti affissi su tutte le città entro e non oltre il 20 Luglio.

Iliad

Secondo il Gran Giurì della pubblicità, la pubblicità di Iliad non darebbe una giusta informazione riguardo i costi di attivazione e i limiti di utilizzo dei dati in Europa. Per questo motivo l’azienda francese dovrà interrompere la diffusione dello spot televisivo e levare tutti i manifesti entro e non oltre il 20 Luglio.

In contemporanea, il Codacons definisce scorretta la promessa secondo cui le condizioni dell’offerta resterebbero invariate “per sempre”. Tra le clausole del contratto firmato al momento  dell’attivazione, infatti, ce ne sarebbe una dove l’operatore telefonico si dichiara libero di modificare le condizioni contrattuali. La richiesta del Codacons è quella di togliere o modificare questa clausola, mettendo dunque anche nero su bianco questa famosa promessa. In caso contrario Codacons procederà per vie legali contro la società francese.

Concludendo, la compagnia telefonica TIM ha segnalato la compagnia telefonica francese per violazione del decreto antiterrorismo del ministro Pisanu. Questo decreto regolamenta l’identificazione in modo sicuro dei vari utenti prima dell’attivazione di una SIM. Secondo TIM, l’utilizzo di Sim box per l’attivazione delle SIM sarebbe poco sicuro. L’azienda francese si difende dichiarando che “le SIM di Iliad vengono emesse dalle Sim box non attive, e dunque inutilizzabili prima dell’attivazione”.

Che ne pensate di questa vicenda? Fateci sapere la vostra opinione sulla vicenda con un  commento sulla nostra pagina ufficiale di Facebook.