La ristrutturazione dell’Apple Store di Chicago sarà il più costoso della storia e dovrebbe essere eseguito dallo stesso che sta lavorando al Campus 2 di Cupertino.

Davvero una cifra record quella prevista per la ristrutturazione dell’ Apple Store di Chicago, situato nella Michigan Avenue famosa per i suoi negozi di lusso. 60 i milioni di dollari da investire in quello che sarà la spesa più alta nella storia, il triplo rispetto all’iconico store di San Francisco.

schermata-2016-11-01-alle-14-20-47

Il nuovo Apple Store di Chicago costerà la bellezza di 62 milioni di dollari. Il costo del negozio si ricava dalla concessione edilizia richiesta al Dipartimento di Urbanistica della città. Come riporta il Chicago Tribune, il negozio sarà contraddistinto da un uso elevato del vetro e con gli ultimi permessi ricevuti potrà completarsi con le varianti previste.

schermata-2016-11-01-alle-14-20-32

Come detto prima, lo store di Chicago sarà il più costoso tra gli edifici della Mela sparsi per il mondo, basti pensare che quello che fino ad oggi è ritenuto il più bello e curato architettonicamente, che ha previsto la demolizione di un precedente edificio, è costato 23,6 milioni di dollari.Quando sarà ultimato, il negozio di Chicago avrà un’estensione di 2000 mq, e sarà nei pressi di North Michigan Avenue. Dai rendering architettonici si vede un grande ingresso a livello stradale con pareti in vetro, due grandi scalinate e un ascensore che conduce al livello inferiore verso una struttura sempre in vetro appena fuori il riverwalk.

schermata-2016-11-01-alle-14-16-28

Non si ha ancora la certezza che a progettarlo e a realizzarlo dovrebbe essere stato Norman Foster dello Studio Foster + Partners, conosciuto già per il progetto del Campus 2 di Cupertino, degli Apple Store di Roma e Milano, entrambi a cavallo tra progettazione e costruzione. A giustificare il costo c’è che lo store di Chicago abbonda di materiali lussuosi, incluso il tetto in fibra di carbonio all’ingresso ed elementi strutturali infusi nel vetro per l’edificio principale che affaccia sul lungofiume. Non si sa quando termineranno i lavori ma se continuerete a seguirci potrete essere tra i primi a scoprirlo.

CONDIVIDI
Paolo Zuccalà
Ventiquattrenne, studente di Ingegneria dell'Informazione, malato di tecnologia sin dalla tenera età. Utilizzatore di qualsiasi piattaforma con maggior interesse verso il brand della mela! Son dell'idea che la tecnologia possa aiutar l'uomo e che l'IoT sia la svolta, oltre che il mio futuro campo di lavoro. Il mio motto? NO PAIN NO GAIN