Galaxy S8: con grossi innovazioni come riscatto

Il Galaxy S8, che sarà l’occasione di riscatto per Samsung, avrà anche il Viv AI Assistent. Dopo gli ormai stranoti problemi relativi al Galaxy Note 7 la cui batteria esplode sotto carica , dopo la maxi-multa inflittagli dalla Corte suprema degli Stati Uniti in appello, di ben 119 milioni in favore di Apple, sembra  puntare tutto sul prossimo device. Tanti sono i rumors che circolano intorno al Galaxy S8, che  dovrebbe uscire il 26 febbraio, secondo un teaser immagine trapelato in questi giorni.

In queste ore, tra i rumors, sta anche circolando un’importante indiscrezione secondo la quale il Galaxy S8 avrebbe anche il Viv AI Assistant al posto della S Voice. Di cosa si tratta?

xsamsung-galaxy-s8-4-jpg-pagespeed-ic-xgjjg5xzdk

Dalla Cina arriva la voce che il prossimo smartphone della serie S di Samsung Galaxy avrà due varianti: una con 2K 5.1 pollici(dovrebbe essere QHD), display curvo Super AMOLED, e l’altra con un display da 5,5 pollici, in 4K e UHD. Questo secondo modello da 5,5 pollici sarà caratterizzato da una configurazione dual-camera. Inoltre, un’altra voce afferma anche che il Samsung Galaxy S8 sarà alimentato da Qualcomm Snapdragon 830 SoC (che sarà realizzato con processore 10nm), anche se non per tutti i mercati. Alcuni infatti saranno alimentati dalla variante Exynos 8895. Ma la vera chicca, è che il Galaxy S8 utilizzerà un Viv Al Assistent. Che sostituirà così la S Voice. Frutto questo dal fatto che la multinazionale coreana ha rilevato Viv Labs e porterà non solo il protagonismo nel campo dell’assistenza virtuale ma anche un’evoluzione di tutti i suoi prodotti, soprattutto telefonia e elettrodomestici.

CONDIVIDI
Paolo Zuccalà
Ventiquattrenne, studente di Ingegneria dell'Informazione, malato di tecnologia sin dalla tenera età. Utilizzatore di qualsiasi piattaforma con maggior interesse verso il brand della mela! Son dell'idea che la tecnologia possa aiutar l'uomo e che l'IoT sia la svolta, oltre che il mio futuro campo di lavoro. Il mio motto? NO PAIN NO GAIN