Lo strumento più utile, per la consultazione delle API, è stato rimosso dall’App Store: Addio Dash!

Popolare browser riguardante le documentazioni API, Dash è stato ritirato ieri dall’App Store. Apple ha dunque bloccato il business dello sviluppatore senza alcun motivo, cancellando l’app mobile e quella per Mac dal proprio Store, ma la versione per Mac è ora disponibile sul sito dello sviluppatore.

Popescu ieri ha ricevuto un “notifica di cessazione” via mail ed il suo account iTunes Connect è stato chiuso. Apple ha inizialmente rifiutato di offrire informazioni a riguardo, ma dopo la rimozione di Dash dall’App Store, la notizia ha iniziato a far discutere ed Apple ha accusato Popescu che di esser la causa di “attività fraudolente” e di manipolare l’app, pagando, ad esempio per recensioni positive, qualcosa che lui nega di fare.

dashapp

“Aggiornamento: Apple mi ha contattato e mi ha detto che hanno trovato la prova delle attività di manipolazione. Questo è qualcosa che non ho mai fatto.

La decisione di Apple è definitiva e non può essere oggetto di ricorso.”

Nonostante la smentita di Popescu, Apple sembra essere fermamente convinta che una sorta di frode abbia avuto luogo. Il Direttore marketing di Apple, Phil Schiller, è intervenuto ed ha commentato la situazione, attraverso una e-mail inviata a Matteo Els, che gli ha chiesto chiarimenti in merito alla situazione.

“Ciao Matteo,

Grazie per la vostra e-mail su questa applicazione.

Ho studiato questa situazione. Mi è stato detto questa applicazione è stata rimossa a causa di attività fraudolente ripetute.

Spesso siamo costretti a chiudere gli account degli sviluppatori per punteggi e recensioni ottenuti grazie ad attività fraudolente, comprese le azioni volte a danneggiare altri sviluppatori. Si tratta di una responsabilità che prendiamo molto sul serio, a nome di tutti i nostri clienti e sviluppatori.

Spero che si capisca l’importanza di voler proteggere l’App Store da attività fraudolente ripetute.

Grazie,
Phil”

In questo momento, Popescu sostiene che la decisione di Apple sia definitiva e l’applicazione non verrà reinserita su App Store. La comunità di sviluppatori sembra essere sorpresa dall’accusa, affermando che un app di tale livello, non aveva bisogno di ulteriori recensioni positive.

Non è chiaro cosa stia succedendo, sta di fatto che l’app Dash è sparita sia dallo Store mobile, sia da Mac App Store. Come sviluppatore Steven Troughton-Smith fa notare, che se Popescu non ha manipolato le proprie recensioni, è possibile che sia stato preso di mira, intenzionalmente, da parte di terzi o che il sistema di segnalazione di Apple abbia commesso un errore. Phil Schiller di Apple, dopo aver esaminato la situazione, afferma che la seconda opzione sembra assolutamente improbabile.

Dash per Mac rimane comunque disponibile al di fuori del Mac App Store, e Popescu esorta tutti gli utenti a migrare dalla versione presente sul Mac App Store a quella presente sul suo sito. Non è chiaro se verrà ripristinato la versione iOS, speriamo di sì, visto che molti definivano tale app come “la Bibbia delle API”

CONDIVIDI
Paolo Zuccalà
Ventiquattrenne, studente di Ingegneria dell'Informazione, malato di tecnologia sin dalla tenera età. Utilizzatore di qualsiasi piattaforma con maggior interesse verso il brand della mela! Son dell'idea che la tecnologia possa aiutar l'uomo e che l'IoT sia la svolta, oltre che il mio futuro campo di lavoro. Il mio motto? NO PAIN NO GAIN