Dyson Purifier Cool Formaldehyde

Abbiamo testato a lungo il nuovo Dyson Purifier Cool Formaldehyde e oggi possiamo dirvi la nostra in questa recensione completa

Dyson Purifier Cool Formaldehyde è il protagonista della recensione di oggi, lo abbiamo testato a lungo e ci siamo fatti un’idea chiara sulle sue potenzialità. Oggi, in questo periodo storico particolare, l’attenzione per allergeni, virus e in generale per la qualità dell’aria in cui viviamo è diventata di vitale importanza. Grazie a dispositivi come il depuratore Dyson, oggetto della nostra recensione, tenere sotto controllo la qualità dell’aria nel nostro ambiente domestico è fortunatamente diventato molto più semplice che in passato. Proprio per questo oggi vogliamo parlarvi di questo prodotto che vi anticipiamo ci ha lasciati piacevolmente soddisfatti.

Recensione Dyson Purifier Cool Formaldehyde

Design

Dyson Purifier Cool Formaldehyde

A differenza del modello Pure hot cool di cui vi abbiamo già parlato in passato, questo nuovo depuratore ci è arrivato nella versione con “collo” lungo quindi più adatto per una fruizione anche da terra. Il design è sempre quello iconico a cui ci ha abituati Dyson, senza ventole visibili e con l’accesso ai filtri facilitato. L’aria fuoriesce direttamente dalle fessure frontali o in alternativa si può scegliere di azionare quelle laterali in caso di sola depurazione. Bella anche l’idea di dotare il telecomandino di un magnete cosi da porlo quando non serve nella parte superiore del purificatore d’aria ( questo permette di non perderlo facilmente ). In generale un design sempre minimal ed elegante, adatto a qualsiasi ambiente domestico.

Caratteristiche

Veniamo adesso alla ciccia, scopriamo insieme tutte le novità e le caratteristiche di questo dispositivo.

Il Dyson Purifier Cool Formaldehyde  è stato completamente riprogettato per garantire una depurazione e ventilazione ancora più efficiente. Adesso la certificazione HEPA 13 non è caratteristica unica dei filtri ma dell’intero dispositivo. Questo è stato possibile grazie ad un nuovo sistema di areazione che non va ad intaccare in alcun modo il filtro e bloccando qualsiasi fuoriuscita. Grazie a questo miglioramento adesso i nuovi purificatori riescono a catturare il virus H1N1 e il 99,95% di particelle, rendendo anche l’areazione più silenziosa del 20%.

Ci sono 3 metodi per controllare il dispositivo: tramite telecomando, tramite App e tramite assistenti virtuali ( al momento Alexa in Italia non è ancora disponibile).

Il depuratore è in grado di assorbire le particelle di NO2, COV,  e di rilevare temperatura e umidità dell’ambiente. Per farlo basta inserire la modalità automatica e il depuratore Dyson farà il resto restituendo aria pulita in ogni angolo della stanza. Ovviamente è possibile anche regolare la potenza manualmente e di regolare l’angolo di rotazione in base le proprie esigenze.

Attraverso il display possiamo vedere e monitorare al volo alcuni parametri di depurazione, ma se vogliamo analizzarli in modo approfondito possiamo dare uno sguardo all’app che mostra molte più informazioni dettagliate.

App

L’applicazione Dyson Link ci è sembrata molto completa e di semplice consultazione, tutte le funzionalità base sono immediatamente a disposizione. Nella schermata principale avremo una panoramica sulla qualità dell’aria attuale, fuori e dentro le mura domestiche, con la possibilità di accedere a dei comandi Rapidi al volo. Se invece vogliamo approfondire alcuni dati rilevati o accedere ai comandi completi ci basterà tappare sulle apposite icone. Peccato per la mancanza di compatibilità con Alexa, almeno nel nostro paese, tuttavia è possibile controllarlo tramite Siri.

Formaldeide

Una delle novità degli ultimi modelli è la rilevazione della formaldeide. In parole semplice la formaldeide è una sostanza nociva presente in alcune vernici e prodotti chimici come detersivi e emollienti. Una massiccia presenza di questa sostanza può causare irritazione oculare, starnuti o eritema cutaneo. La sua elevata dannosità è stata confermata anche dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro che l’ha aggiunta tra le sostanze cancerogene nel 2004.

Come facilmente intuibile dal nome, il Dyson Purifier Cool Formaldehyde riesce ad eliminare questa sostanza grazie ad un innovativo sensore a cella elettrochimica che permette al sistema di funzionare costantemente ed eliminare e escludere la formaldeide rispetto le altre sostanze nocive. Il filtro SCO riesce a distruggere la sostanza ad un livello quasi molecolare scomponendola in piccole particelle di CO2.

 

Considerazioni

Non è la prima volta che testiamo un depuratore Dyson, il loro design adattivo e l’ottima ingegnerizzazione generale sono come sempre i punti di forza di tutti i prodotti del brand inglese. Con i nuovi modelli sono riusciti a migliorarsi ulteriormente andando a perfezionare un sistema già largamente collaudato ed efficace. Peccato per la mancanza di compatibilità con l’assistente virtuale di Amazon in Italia, ma siamo fiduciosi in un futuro update. Consigliamo l’acquisto a tutti coloro che vogliono una protezione più completa possibile da allergeni, sostanze potenzialmente nocive e perché no per rinfrescarsi un pò durante particolari giornate calde.

Prezzo e disponibilità

Potete acquistare il Dyson Purifier Cool Formaldehyde a 649€ sul sito ufficiale.

 

RASSEGNA PANORAMICA
Design
9
Funzionalità
9
Smart
7.5
Prezzo
6.5
CONDIVIDI
Emilio Primavera
Dottore in Comunicazione & Marketing Pubblicitario. Da sempre appassionato di Tecnologia con una predilezione verso Apple, blogger e fondatore di iTechMania (Sito e Canale Youtube) Recensore di prodotti tecnologici.