Non bastavano i due smatphone, Google vuole fare le cose in grande presentando un altro device: Pixel3

L’azienda di Mountain View, presenterà, oltre alla gamma di smartphone, anche un nuovo portatile. Bison, il suo nome in codice, sarà il primo notebook a montare Andromeda, la fusione di Android e ChromeOS, basato sul core di Android e ampliato con funzionalità tipiche di Chrome OS, come ad esempio quelle riguardanti la produttività. Google vuole quindi scontrarsi con Windows e MacOS per competere ad armi pari con Microsoft e Apple nel segment notebook. Le altre due piattaforme (Android e Chrome OS) dovrebbero continuare ad esistere anche in seguito al suo debutto anche se le loro sorti non sono ancora decise.

Pixel avrà un profilo di soli 10 mm di spessore, rientrando quindi nella categoria degli ultrasottili, passando poi al display da 12,3″ touchscreen che lo renderà un ibrido con una modalità tablet fruibile all’utente finale grazie anche ad un pennino prodotto da Wacom e venduto separatamente. Sarà dotato di lettore di impronte, doppia porta USB type-C, jack da 3,5 mm, altoparlanti stereo, quattro microfoni e una batteria in grado di assicurare fino a dieci ore di autonomia con una singola ricarica.

Passando al cuore, sotto la scocca troveremo processori m3 o Core i5 con 8/16Gb di Ram e 32/128Gb di spazio di archiviazione, sarà presente la tastiera retroilluminata ed il trackpad, in vetro che avrà un motorino aptico a simulare il click, proprio come il trackpad presente nei MacBook 12″ o MacBook Pro da 13″.

Pixel sarà commercializzato nel terzo quadrimestre del 2017 ed il prezzo base sarà di 799$.

CONDIVIDI
Paolo Zuccalà
Ventiquattrenne, studente di Ingegneria dell'Informazione, malato di tecnologia sin dalla tenera età. Utilizzatore di qualsiasi piattaforma con maggior interesse verso il brand della mela! Son dell'idea che la tecnologia possa aiutar l'uomo e che l'IoT sia la svolta, oltre che il mio futuro campo di lavoro. Il mio motto? NO PAIN NO GAIN