64-bit obbligatori…era ora!

L’anno scorso fu una rivoluzione, da febbraio un successo.

Quando il 10 settembre 2013 fu presentato l’iPhone 5S con il suo straordinario processore a 64-bit fu una vera e proprio innovazione,
ma ad oggi non tutte le app sono state riscritte per i processori a 
64-bit, essendo che Apple ha lasciato la possibilità ai sviluppatori di compilare ancora app a 32-bit. Oggi Apple ha inviato ai sviluppatori inscritti all’iOS Developer Program un promemoria, chiarendo tutti gli aspetti del passaggio:

Dal 1 febbraio 2015 ogni app nuova sottoposta all’approvazione e la pubblicazione dovrà supportare i 64-bit e dovrà essere sviluppata secondo le regole del Software Development Kit di iOS 8, in caso non vengano rispettate le guide la pena è la non approvazione. Mentre per le app preesistenti il termine scade il 1 giugno 2015, qualora non venissero aggiornate si procederà alla loro rimozione dallo store. Con la compilazione di tutte le app preesistenti e nuove i device provvisti di processore a 64-bit saranno più scattanti che mai, non ci resta che aspettare.

Emilio Primavera
Dottore in Comunicazione & Marketing Pubblicitario. Da sempre appassionato di Tecnologia con una predilezione verso Apple, blogger e fondatore di iTechMania (Sito e Canale Youtube) Recensore di prodotti tecnologici.

IMPORTANTE

information-icon-clip-art-at-clker-com-vector-clip-art-online-32Per restare sempre aggiornati sul mondo della tecnologia seguiteci su FacebookTwitter e canale YouTube. Per non perdervi le migliori offerte del web unitevi al nostro canale Telegram. Per ricevere assistenza gratuita, iscrivetevi ai gruppi Facebook Mondo Apple | iTechMania e Mondo Android | iTechMania.

Potrebbero interessarti

Emilio Primavera

Emilio Primavera

Dottore in Comunicazione & Marketing Pubblicitario. Da sempre appassionato di Tecnologia con una predilezione verso Apple, blogger e fondatore di iTechMania (Sito e Canale Youtube) Recensore di prodotti tecnologici.